Sculpture in Bologna: The Arte Fiera 2019

The last edition of Arte Fiera, one of the most important contemporary art fairs in Italy, has just ended. Nicola visited it for us and tried to identify the most significant works on display. Here is his report.

***Per la versione italiana scorrere verso il basso.***

For a few months now, sculpture network has been monitoring Italian fairs to report about the state of sculpture in Italy to an international audience. After Milano Scultura and Artissima in Turin we went to the opening of the oldest Italian art fair. Arte Fiera is an event which the city of Bologna focuses strongly on since some of the last editions were not well received by the experts. This year, instead of Angela Vettese, Simone Menegoi was in charge. His mission is to redefine the traditional media of painting and sculpture and to also take a very close look at photography and video. The preview was held on Thursday, January 31st and the opening to the public took place the following day. The market response and public success was excellent with over 50,000 visitors and over 350 national and international collectors, reported by the exhibiting galleries, who were hosted by Arte Fiera during the five days of the event. Of the 141 galleries, about one third presented monographic stands, in line with the growing need for international exhibitions to favor quality over quantity.

Flavio Favelli, Hic et nunc

The general impression confirms the trend that we sensed in Turin with Artissima: although it is a generalist fair, sculpture played a very important, if not fundamental, role.
Arte Fiera is built around two main thematic axes which correspond to two pavilions: one concentrates mainly on the galleries specializing in post-war art, while the second hosts galleries that focus more on artists who are more or less current. The fair in Bologna is traditionally an event that specializes in the Italian scene, even though it is not complete without some international artists and galleries.
This year's fair opened with a large room by Flavio Favelli entitled "Hic et nunc", also called "habitable sculpture". Composed of various materials, it marked the beginning of the exhibit and also served as a place for meeting and discussion.

Tulio Pinto, Cumplicidade #16

In the first pavilion there were the great Italian sculptures of the post-war period at the Copetti (Udine) stand with very beautiful pieces by Mirko Basaldella and Giacomo Manzù, while the Tonelli Gallery from Milan exhibited spectacular ceramics from the thirties by Lucio Fontana.
At the Piero Atchugarry Gallery stand, we met the Brazilian Tulio Pinto, creator of impossible sculptures in glass and iron. We had already noticed him in Turin due to the exceptional statics of his works and which make the impression that an explosion is imminent since the glass globes seem to be crushed by the weight of steel. The work shown here is called Cumplicidade #16.

Jürgen Knubben

Another work that should be reported on is an organic sculpture composed of cast iron pipes by the German Jürgen Knubben, guest of the Menhir gallery in Milan. Here the industrial materials are reminiscent of marine corals or the bare treetops in winter. Another aspect of his work instead explores more minimalist paths, something that should be explored further.

After passing several works by Igor Mitoraj at Contini's stands and the large collective exhibition Solo figura e sfondo (Only figure and background), the second pavilion of the fair once again attracted sculpture enthusiasts thanks to the lively ceramics by Bertozzi & Casoni from Imola (Bologna) at the Bonelli stand from Milan.

Bertozzi & Casoni

Exemplary representatives of a ceramic district that finds its epicentre in Faenza, an edition of Arte Fiera would not be complete without them. Among the various works on sale pictured here is one of their barrels of garbage in polychrome ceramics. The duo is famous for their ability to represent the symbols of consumerism through three-dimensional stilllifes that are always very ironic.

There was a beautiful series of ceramics by Arcangelo (not to be confused with Arcangelo Sassolino) made at the Saffi workshop in Milan and entitled Casa Irpina was visible at the Marcorossi contemporary art stand.

And a bit further on was the Galleria Poggiali from Florence with the works of Fabio Viale which are often photographed. We already met the exuberant artist from Turin in Munich (read the interview here) and we are happy to note that the Italian market has finally begun to reward him after the success he found in Europe and the United States.

Arcangelo

The tattooed Laoconte sculpture, which could be seen in front of the Glyptothek in Munich, dominated the stand; but the real novelty of this year is certainly the head of Michelangelo's David covered by the tattoos of the very young rap singer Young Signorino.
Viale, who is not only a virtuoso with marble, but also a performer, and an expert in innovative technologies and a very skilled communicator, creates all of his work in marble, with the help of assistants and robots.

Fabio Viale

Talking about the subject of robots; we then saw works by Emilio Vavarella, a multimedia artist at the Bologna stand Galleria+. Vavarella’s piece that we had also seen at Artissima is exemplified here by the series Datamorphogenesis. In this case Ovid's Metamorphoses were represented by a series of small three-dimensional sculptures printed in 3-D, using 3-D models freely available on the internet as the starting point. The particularity of the project consists in the transmission of the Ovidian verses into binary code. The code then translates into unpredictable three-dimensional images the source of which is difficult to grasp. It is a beautiful and intelligent piece that deserves to be remembered.
A few meters farther along the spheres known as "Brazil" by Patrik Tuttofuoco are displayed. They have already been exhibited internationally at the Venice Biennale in 2003. At Federica Schiavo's stand, they were among the installations that were most photographed.

Ana Prvacki, Pollination glow

Finally, an alternative work: for the event "Artworks that ideas can buy" a certain number of artists offered to make their pieces (including paintings and sculptures) available to be sold for an different type of payment. At this stand visitors could attempt to exchange an idea, a thought or a project for the work of their preference. Thus, the artist assigns a value to the thought by deciding whether or not to accept the offer. I myself made an offer for Pollination glow, a work by the Serbian artist Ana Prvacki that, if accepted, will give rise to a new collection of contemporary sculpture. The face behind this event is that of Cesare Pietroiusti, whom we congratulate: the whole project leads to an intelligent reflection on the value of cultural projects which is difficult to quantify and encourages collecting among people with a variety of priorities.
Unfortunately, it is not possible to describe the great number of other works, especially since at the same time as Arte Fiera Bologna was the scene of other initiatives and two fairs for independent artists - these being Paratissima and Set Up. In fact, the Italian contemporary art market is experiencing an upswing at the moment and sculpture is a very important and original component in that, as Arte Fiera has demonstrated.

 

Author: Nicola Valentini

Nicola Valentini is an art historian specializing in contemporary sculpture and new technologies. He regularly explores the art scene in Italy and shares his experiences with us

 

Scultura in fiera a Bologna: Arte Fiera 2019

Si è appena conclusa l’ultima edizione di Arte Fiera, una della maggiori fiere di arte contemporanea in Italia. Nicola l’ha visita per noi e ha cercato di individuare i lavori più significativi esposti in fiera. Ecco il suo rapporto.

Da alcuni mesi sculpture network ha iniziato un percorso di monitoraggio delle fiere italiane per provare raccontare lo stato di salute della scultura ad un pubblico internazionale. Dopo Milano scultura e Artissima a Torino ci siamo pertanto recati all’opening della più antica delle fiere italiane. Arte Fiera è un evento su cui la città di Bologna ha puntato forte dopo alcune edizioni poco gradite dagli addetti ai lavori. Quest’anno, al posto di Angela Vettese, troviamo al timone di comando Simone Menegoi che si è dato la missione di ridefinire i media tradizionali come pittura e scultura ,guardando con molta attenzione anche a fotografia e video. Il vernissage si è tenuto giovedì 31 mentre l’apertura al pubblico ha avuto luogo il giorno seguente. Il  riscontro di mercato e successo di pubblico é stato ottimo con oltre 50.000 presenze e dagli oltre 350 collezionisti nazionali e internazionali, segnalati dalle gallerie espositrici, che sono stati ospitati da Arte Fiera nei cinque giorni di manifestazione. Delle 141 gallerie, circa un terzo ha presentato
stand monografici, in linea con le tendenze espositive internazionali che vogliono le fiere privilegiare la qualità espositiva alla quantità.

L’impressione generale conferma il trend che ci è sembrato di leggere a Torino con Artissima: pur essendo una fiera generalista, la scultura ha avuto un ruolo molto importante, se non addirittura fondamentale.
Arte Fiera è costruita intorno a due assi tematici portanti a cui corrispondono altrettanti padiglioni: in uno si concentrano soprattutto le gallerie specializzate nell’arte del dopoguerra, nel secondo le gallerie che si concentrano maggiormente su artisti più o meno attuali. La fiera bolognese è per tradizione un evento specializzato nel panorama italiano, anche se non manca mai la rappresentanza di artisti e gallerie internazionali.
La fiera di quest’anno si apriva con un grande ambiente di Flavio Favelli dal titolo “Hic et nunc”, anche definita come “scultura abitabile”. Composta da materiali vari, segnalava l’inizio dell’itinerario e funzionava anche da luogo di incontro e discussione.

Nel primo padiglione ci si imbatteva nella grande scultura italiana del dopoguerra presso lo stand di Copetti (Udine) con pezzi molto belli di Mirko Basaldella e Giacomo Manzù, mentre la galleria Tonelli di Milano esponeva spettacolari ceramiche anni Trenta di Lucio Fontana.
Allo stand della Piero Atchugarry Gallery, abbiamo incontrato il brasiliano Tulio Pinto, autore di sculture impossibili in vetro e ferro. Avevamo già avuto modo di notarlo a Torino per la statica eccezionale delle sue opere e la sensazione di scoppio imminente che i globi di vetro sembrano annunciare sotto il peso dell’acciaio. L’opera che riproduciamo si intitola Cumplicidade #16.
Un altro lavoro che vi raccontiamo è una scultura organica composta da tubi in ghisa del tedesco Jürgen Knubben, ospite della galleria Menhir di Milano. Qui i materiali industriali ricordano coralli marini o chiome spoglie di alberi in inverno. Un altro versante della sua ricerca esplora invece percorsi più minimalisti che vi invitiamo ad approfondire. Superate certe opere di Igor Mitoraj negli stand di Contini e la grande mostra collettiva Solo figura e sfondo il secondo stand della fiera tornava ad interessare gli appassionati di scultura grazie alle vivaci ceramiche di Bertozzi & Casoni di Imola (Bologna) nello stand della milanese Bonelli. Rappresentanti esemplari di un distretto della ceramica che trova il suo epicentro in Faenza, un’edizione di Arte Fiera non sarebbe completa senza di loro. Tra le varie opere in vendita abbiamo scelto di riprodurre uno dei loro barili di immondizia in ceramica policroma. Il duo è famoso per la capacità con cui sa rappresentare i simboli del consumismo attraverso nature morte tridimensionali sempre molto ironiche.
Di Arcangelo (da non confondere con Arcangelo Sassolino) un bel ciclo di ceramiche eseguito presso la bottega Saffi di Milano e intitolato Casa Irpina era visibile presso lo stand Marcorossi arte contemporanea. Poco distante dal loro stand si trovava la Galleria Poggiali di Firenze con le opere molto fotografate di Fabio Viale. Abbiamo già conosciuto il vulcanico artista torinese a Monaco (qui il link all’intervista) e siamo felici di notare che finalmente anche il mercato italiano ha iniziato a premiarlo dopo il successo incontrato in Europa e Stati Uniti. Dominava lo stand il Laoconte tatuato visto alla Gliptoteca di Monaco; ma la vera novità di questo nuovo anno è certamente la testa del David michelangiolesco ricoperta dai tatuaggi del giovanissimo rapper Young Signorino. Viale, che oltre ad essere un virtuoso del marmo è performer, sperimentatore di tecnologie innovative ed abilissimo comunicatore, esegue tutti i suoi lavori in marmo, con l’aiuto di assistenti e robot.
Rimanendo in tema di robot ci siamo poi imbattuti nel lavoro di Emilio Vavarella, artista multimediale della scuderia bolognese Galleria+. Il lavoro di Vavarella che pure avevamo visto ad Artissima è qui esemplificato dalla serie Datamorphosis. In questo caso le Metamorfosi di Ovidio erano rappresentate attraverso una serie di piccole sculture tridimensionali stampate in 3d usando come files di partenza modelli 3d liberamente scaricabili da internet. La particolarità del progetto consiste nella forzatura dei versi ovidiani in codice binario. Il codice si traduce in immagini tridimensionali imprevedibili di cui talvolta è possibile cogliere la sorgente. Un lavoro bello ed intelligente che merita di essere tenuto sott’occhio.
A pochi metri di distanza le sfere di Patrik Tuttofuoco “Brazil”, già esposte a livello internazionale nella Biennale di Venezia del 2003. Visibili nello stand di Federica Schiavo, sono state tra le installazioni più riprodotte.
Infine un lavoro di tipo relazionale: nell’happening “Artworks that ideas can buy” un certo numero di artisti si è reso disponibile a mettere in vendita le loro opere (tra cui dipinti e sculture) a fronte di una ricompensa alternativa. In questo stand ogni visitatore poteva tentare di scambiare un’idea, un pensiero o un progetto per l’opera che preferiva. L’artista, poi, avrebbe dato un valore al pensiero scegliendo se accettare o meno l’offerta. Chi scrive ha fatto un offerta per Pollination glow un lavoro dell’artista serba Ana Prvacki che, se accettata, darà il via ad una nuova collezione di scultura contemporanea. L’ideatore generale di questo happening si chiama Cesare Pietroiusti, a cui vanno i nostri complimenti: l’intero progetto porta a riflettere in maniera intelligente sul valore difficilmente quantificabile dei progetti culturali stimolando processi di collezionismo anche in persone con capitali di varia natura.
Purtroppo non è possibile dar conto di molte altre opere, tanto più che contemporaneamente ad Arte Fiera Bologna è stata teatro di altre iniziative e di due fiere per artisti indipendenti come Paratissima e Set Up. Di fatto il mercato d’arte contemporanea italiana vive un momento di vivacità e la scultura è una componente molto importante e originale in tutto questo come Arte Fiera ha ben dimostrato.

 



 
 
Menu
...loading...
...upload...
Bitte Pflichtfelder ausfüllen